UMBERTO DI STILO CI RACCONTA DELLA ” FESTA DI’ MELANGIANI CHINI “

Carmina Massara e Michele Scozzarra alla " FESTA DI' MELANGIANI CHINI "

Carmina Massara e Michele Scozzarra alla ” FESTA DI’ MELANGIANI CHINI “

È da alcuni anni che, nella vigilia della festa della Madonna della Montagna, precisamente la sera del sette settembre, è stata ripresa la tradizione di portare la Madonna al “catafalco”, che per l’occasione viene eretto nella piazza davanti alla chiesa della Madonna del Carmine.
Il gesto del “catafalco” è carico di mille significati, soprattutto è un atto di amore verso la Madonna, la testimonianza di tutto un mondo di usanze, di tutta una civiltà, una fede, una tradizione verso la Madonna, così come ci è stata tramandata nei secoli dalla nostra gente, dentro un patrimonio culturale, su cui si sono modellati tante usanze e abitudini legate anche al cibo che mettiamo, in particolari ricorrenze, sulla nostra tavola.
La fede, in certi particolari momenti che la “tradizione” impone, si vive anche a tavola, con pietanze che vengono consumate in particolari giorni di festa (feste patronali, Natale, Pasqua, carnevale…). Il più delle volte si tratta di pietanze semplici, che consentono alla famiglia di godere dei “sapori della festa” con pietanze tipiche che affondano le loro radici nella festa religiosa che in quel periodo si celebra.
Grazie ad Umberto Di Stilo, che si è reso disponibile a dialogare su questo, possiamo fare memoria di una nostra tradizione alimentare, tutta galatrese, legata alla festa della Madonna della Montagna: “ ’A FESTA DI’ MELANGIANI CHINI ”.

Umberto Distilo

Umberto Distilo

Professore Umberto, proviamo per un attimo a chiudere gli occhi e, ritornando indietro nel tempo di qualche decennio, immaginiamo una tipica serata galatrese, nel giorno della vigilia della festa della Madonna della Montagna:

Fino a qualche decennio addietro, avventurarsi nel tardo pomeriggio, e fino a sera inoltrata, del sette settembre nelle strette, tortuose e caratteristiche viuzze del rione “Montebello” di Galatro, significava immergersi in una immensa nuvola di stuzzicante odore di fritto.
In tutte le case, ricche o povere che fossero, infatti, in quella giornata di vigilia della più popolare, sentita e partecipata festa del paese, si procedeva alla frittura delle melanzane ripiene. E’ questa, ancora oggi, una pietanza tipicamente galatrese ed altrettanto tipica dei pasti della sera della vigilia e del giorno della festa di “Maria Santissima della Montagna” cioè del sette e dell’otto settembre.
Una volta, quando le famiglie erano numerose, le brave ed attente massaie del luogo preparavano il ripieno nella stessa màdia nella quale solitamente impastavano il pane. E si friggeva per ore, dal momento che le melanzane ripiene dovevano bastare per i due giorni di festa durante i quali se ne potevano (e dovevano, diversamente che festa era?) mangiare a sazietà.
Oltre a quelle fritte, poi se ne preparavano anche cotte in quel sugo che poi sarebbe servito a condire i “maccarruna” (i tradizionali maccheroni) pazientemente “filati” a mano attorno al ferro col quale, nelle fredde sere d’inverno, si lavorava la calza, o le tagliatelle, impastate con sole uova, filate con l’apposito “filaturi”, tagliate e poi messe ad asciugare sul letto matrimoniale. Così preparate le melanzane diventavano più tenere, ma servivano soprattutto ad insaporire quel sugo nel quale, spesso, non c’era neppure la possibilità di cuocere qualche pezzo di carne di capra o d’agnello ancora attaccato a frammenti di osso.

MELANGIANA CHINA

MELANGIANA CHINA

“’A festa di melangiani chini” ha rivestito negli anni una particolare caratteristica che, a quanto pare, era vissuta con una attesa particolare, anche per le ristrettezze economiche del tempo… che proprio nei giorni di festa permettevano un pasto buono ed abbondante:

Il giorno di festa, in tanto si godeva pienamente e si differenziava dalla quotidianità, in quanto la famiglia aveva la possibilità di garantire ai suoi numerosi componenti un pasto diverso. Un pasto che “santificasse” la ricorrenza.
Anche per questo, in quasi tutti gli strati sociali del tempo, la ricorrenza festiva era attesa con ansia. E non solo dalle giovanissime generazioni costrette, spesso, dalle ristrettezze economiche a far colazione con un pugno di fichi secchi e poche castagne infornate (o, come nel periodo estivo precedente la festa settembrina, con frutta fresca appena colta dagli alberi) ed a pranzare con un semplice tozzo di pane accompagnato da qualche acciuga salata o da un pezzetto di aringa fritta col peperoncino.
A Galatro la festa settembrina di Maria Santissima della Montagna veniva solennizzata con l’abbondante preparazione di melanzane. Sicché, la sera della vigilia, quando la bella statua lignea della Madonna, in processione, dal “catafalco” abitualmente eretto nella piazzetta antistante la chiesa del Carmine, nel rione “Magenta”, veniva riportata nella sua parrocchia, c’era l’abitudine simpatica di entrare nelle case degli amici per assaporare qualche “menza melangiana”. Magari calda calda, appena tolta dall’olio bollente della padella.
Ciò perché sin dal primo pomeriggio della vigilia il rione Montebello (nel quale avevano casa i pastori ed i contadini che per motivi connessi al loro lavoro erano costretti a dimorare nelle contrade montane del paese) si trasformava in una immensa, unica, friggitorìa.
Per questo, nei paesi del circondario, la festa della Madonna della Montagna di Galatro è ancora conosciuta come “ ’a festa di’ melangiani chini”. D’altra parte nella tradizione popolare le due cose si identificarono finché la civiltà dei consumi non ha avuto il sopravvento sulla vecchia, semplice e certamente più genuina, civiltà contadina.

Madonna della Montagna al catafalco

Madonna della Montagna al catafalco

“Festa di melangiani chini” e festa della Madonna della Montagna: cosa lega in maniera così profonda, questi due momenti che, apparentemente, sembra che non abbiano nessun nesso che li unisce?:

La tradizione delle “melangiani chini”, legata indissolubilmente alla festività settembrina, è quanto mai remota e, sicuramente, è coeva alla stessa festa religiosa nata successivamente al disastro tellurico del 1783 e, comunque, molto prima che Ferdinando II concedesse il suo “regio assenso” alla creazione della seconda parrocchia (20 settembre 1856). Il culto della Madonna della Montagna, infatti, è sicuramente antecedente giacché un altare (con relativa statua) a Lei dedicato si trova annotato, sin dai primi decenni del secolo, nei registri della chiesa che, solo più tardi, prenderà il Suo nome.
Per capire, comunque, la motivazione storica del perché la ricorrenza religiosa si sia identificata per moltissimi anni (e, per certi aspetti, continua ad identificarsi) con la “festa di’ melangiani chini”, è necessario fare un salto a ritroso nel tempo e calarsi in quella realtà sociale galatrese dei secoli scorsi, quando la quasi totalità degli abitanti era dedita all’agricoltura ed alla pastorizia.

MELANGIANI CHINI

MELANGIANI CHINI

Un piatto povero per una festa così solenne e importante per il popolo galatrese… di solito succede il contrario, cioè le grandi ricorrenze religiose e festive, si portano dietro la preparazione di piatti ricchi e complicati:

Erano tempi grami, per cui, facendo di necessità virtù, i galatresi, per solennizzare – almeno nel pranzo – la ricorrenza festiva, hanno creato la nuova semplicissima pietanza. Una pietanza che, nella sua povertà, riusciva a far dimenticare la misera mensa quotidiana. Una pietanza, quella creata dai contadini e dai pastori galatresi, che per la sua semplicità è divenuta subito assai “popolare”.
D’altra parte solo un piatto povero e, quindi, popolare poteva essere legato ad una ricorrenza religiosa di così grande richiamo come quella dell’otto settembre, unico giorno dell’anno nel quale gli abitanti delle contrade montane, abitualmente dediti alla pastorizia, fino ad alcuni lustri addietro, lasciavano chiusi gli armenti nelle stalle e le greggi negli stazzi e scendevano in paese per presenziare alla celebrazione della Messa solenne (“ ‘a missa cantata”) e poi portare in processione per le vie del paese la bella statua lignea della Madonna. Era, infatti, esclusivo privilegio dei “massari” portare a spalla la statua della Madonna della Montagna che, da sempre, anche perché davanti ai suoi piedi sta inginocchiato un giovenco, è considerata la protettrice delle messi e dei pastori.

Foto della "FESTA DI' MELANGIANI CHINI"

Mimmo Curinga e Gaudioso Trimboli alla “FESTA DI’ MELANGIANI CHINI”

Oggi a Galatro, anche se non come un tempo, viene mantenuta viva la tradizione della preparazione “di melangiani chini”, anche se, ormai da tempo, non si mangiano più solo nel giorno della festa della Madonna della Montagna. In questa nuova realtà, cosa oggi ancora lega il nostro quotidiano, con la tradizione che ci è stata tramandata?:

A testimonianza di una civiltà che è appartenuta ai pastori e nella quale ancora oggi affondano le loro radici, tutte le famiglie galatresi (sia che abitino nel rione Montebello o che abbiano casa nel dirimpettaio rione Magenta) in occasione della festività di Maria SS. della Montagna, continuano a preparare le ormai classiche “melangiani chini”.
Nessuno, però, si sogna più di preparare l’impasto nella màdia; ciò, vuoi perché sono scomparse le famiglie patriarcali o, comunque, numerose, vuoi perché – grazie al Cielo – non è più necessario aspettare la festa settembrina per mangiarle. Il progresso ed il benessere, infatti, consentono a tutte le famiglie di prepararle in qualsiasi periodo dell’anno ed ogniqualvolta se ne abbia voglia e tempo.
Comunque, non sarebbe cena della vigilia o pranzo del giorno della festa se sulla tavola dei galatresi mancassero “i melangiani chini”. Tutto ciò perché la tradizione ha vinto il tempo ed ancora non conosce l’usura del progresso. Questa galatrese delle “melangiani chini” da preparare in concomitanza della festa della Montagna, d’altra parte, è una tradizione che si tramanda da madre in figlia e che, sicuramente, durerà ancora nei secoli a venire. Come testimonianza di una civiltà scomparsa e di una usanza che non può morire.
Non fosse altro perché legata alla fede incrollabile per la Madonna.

Pubblibato Settembre 2013

Vedi Le foto..:

Potrebbero interessarti anche...

Commenta: